Frivolezze

Agenda Bullet Journal, quale scegliere?

Agenda Bullet JournalA

Ok, finalmente hai deciso, un’agenda Bullet Journal è proprio quello che ti ci vuole, l’unica che può adattarsi al meglio al tuo stile e ai tuoi pensieri. Ora bisogna solo decidere quale comprare!

Analizzeremo assieme alcune tra le più famose e diffuse, dalla Moleskina all’agenda di Tyger, in modo da trovare quella più adatta alle tue esigenze.

L’agenda Bullet Journal

Perdendomi nel mondo delle agende, ho visto quante miliardi di infiniti sono. Ogni cartoleria ne vende a bizzeffe, ogni marca ha un sacco di categorie e sottotipi con tutte copertine super accattivanti e carine.

Alla fine ne ho a scremate alcune, che ora ti consiglio.

Prima di iniziare preciso che queste agende sono di dimensioni medie, anche se molte hanno versioni più grandi o più piccole.

Moleskina

Come tutte le Moleskine, è un’agenda molto seria ed elegante, con la copertina rigida e l’elastico. Le pagine sono di 120g/cm3, le dimensioni e il numero di fogli sono invece standard. Tra tutte è una delle più costose, ma nulla di esagerato.

Ha una comoda aletta che sporge, in modo da poterci scrivere la legenda ed è pure dotata degli adesivi.

Lechtturum 1917

Anche questa direi molto seria. Ha 240 pagine piuttosto sottili, da 80g/cm3, quindi se preferisci questi ultimi allora te la consiglio. Ha la copertina rigida e l’elastico, quindi ottimo.

Una cosa che invece a me personalmente non piace molto è che all’interno contiene delle pagine già pre-compilate, come alcuni calendari o l’indice. Come cosa non mi fa impazzire, però può essere una comodità.

Mr. Wonderful

Oggi do il massimo

Questa agenda in realtà è un piccolo quaderno, ma perfetta per i nostri scopi. La copertina è morbida e con un design molto accattivante, a dispetto delle precedenti, anche se comunque rimane semplice. Le pagine sono puntinate e non ci sono parti precompilate.

Essendo considerata appunto un quaderno, il suo prezzo è minore rispetto alle altre agende.

Bullet journal

Per chi invece non se la sente di iniziare da zero un bullet journal consiglio invece l’agenda di Mr. Wonderful. È sempre in formato bullet, quindi puntinata e A5 e, come tutte le Mr. Wonderful, è molto colorata.

La differenza principale con gli altri journal descritti è che è tutta precompilata, in modo molto accattivante e originale. L’obbiettivo di questa agenda è infatti quello di dare la possibilità anche a chi è neofita di iniziare lo stesso un bullet journal, come con una sorta di transizione, per evitare di perdersi nel caos dopo alcune pagine. Nonostante questo ci sono comunque molte pagine vuote per permettere di sviluppare la propria fantasia e fare diciamo “esperienza”.

Un altro punto a favore è il fatto che presenta un capitolo intero in cui insegna a disegnare alcune icone e pattern utili, e in cui in particolare spiega le basi del bullet journal, insegnando diciamo a farne uno. Un po’ di storia, su quali principi si basa, e come svilupparlo. Ultimo fattore, che io apprezzo moltissimo, sono gli adesivi, tipici delle agende Mr. Wonderful e sempre veramente stupendi.

Se vuoi avere un’idea migliore di come può essere l’interno di questa agenda puoi guardare questo video. In realtà si riferisce a quella dell’anno scorso, sempre di Mr. Wonderful, che però è piuttosto simile. Il video è molto chiaro, e ci permette di farci un’idea di come è organizzata e strutturata.

Tiger

Il Bullet Journal di Tiger si presenta in diversi colori, ha una copertina rigida, l’elastico e le pagine dotted. Insomma, perfetta! Nelle pagine finali contiene alcuni suggerimenti su come fare i vari simboli e layout,  per dare un’ispirazione a chi ha appena iniziato. Inoltre ha moltissimi adesivi

Il prezzo è decisamente contenuto, e varia tra i 5 e i 10 euro in base al periodo. L’unica pecca? Che la si può comprare solo in negozio.

Charuca bullet

Anche le agende Charuca sono piuttosto minimali, con copertine rigide, semplici, di dolci colori pastello. Contengono una comoda taschina e 200 pagine da 120g/cm3.

Inoltre si possono acquistare, come tutte le precedenti, anche su Amazon e il loro prezzo è nella media.

Agenzio notebook– Paperchase

Agenzio è la particolare linea di bullet journal di Paperchase.

Queste semplici agende dai colori tenui, hanno in realtà un cuore speciale. La copertina è rigida, dotata di elastico, e l’agenda contiene circa 190 fogli sottili, da 80g/cm.

La cosa però secondo me più bella è che queste agende sono realizzate in Italia, utilizzando carta FSC, da fonti sostenibili. Unica pecca è che sono acquistabili solo dal loro sito.

Enrin Condren notebook

L’agenda Enric Condren ha colori sgargianti, con inciso sulla la copertina rigida un grande fiore. Volendo si può anche personalizzare aggiungendo il nome.

Anche questa, si può acquistare solo dal loro sito.

Legami bullet journal

Il bullet journal Legami è semplice ma colorato. Con la copertina morbida e l’elastico, è composto da un doppio segnalibro e pagine spesse 120g/cm3.

L’azienda, un marchio tutto italiano, è molto rispettosa dell’ambiente, quindi ogni prodotto è costituito da carta ottenuta da fonti sostenibili.

Si trovano sia su Amazon che sul loro sito, oltre che in tutti gli store fisici e le Feltrinelli.

Quaderni cinesi

Quelle che ho appena presentato sono le marche più famose e diffuse. Oltre a queste ci sono una miriade di marche “cinesi” che possono essere buone o meno. Io ho comprato tempo fa due quaderni al prezzo di uno su Ebay, palesemente cinesi appunto, e mi sono trovata sinceramente bene.

Quindi puoi provare anche a prendere questi, costano meno ma i risultati non sono garantiti, e ovviamente non c’è nessuna certificazione di rispetto per l’ambiente o dei diritti di chi li costruisce. Qualche tempo fa non ci riflettevo più di tanto, una cosa valeva l’altra e l’unica discriminante molte volte oltre alla qualità era il prezzo.

In questo momento però non rifarei una scelta simile. Ho imparato che la cura per l’ambiente e la natura nasce anche dalle piccole cose, come la scelta di un’agenda.

Se vuoi essere ancora più green, o vuoi divertirti nel crearne una tu, prova questo articolo su come rilegare i fogli a mano! Così la personalizzazione, e il risparmio, sarà al 100%.

Conclusioni

Ci sono mille tipi di agende bullet journal ormai, di mille fogge diverse, alcuni più buoni di altri. L’unico modo per sapere come sono è soltanto provarli, e divertirsi ogni volta con un quaderno nuovo.

E tu, ne hai uno che preferisci? Faccelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *